www.news.admin.ch

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio navigazione principale

Fine navigazione principale


Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Rallentata del 35 per cento la crescita del numero di cittadini dell’UE/AELS

Berna-Wabern, 08.06.2010 - Alla fine di agosto 2010 l’effettivo della popolazione residente permanente straniera proveniente dall’UE-27/AELS era di 1 076 540 persone, ovvero il 3.3 per cento (+ 34 613) in più rispetto alla fine di aprile 2009. Nello stesso periodo, il numero di cittadini di Stati non membri dell’UE/AELS è aumentato dello 0.4 per cento.

L'effettivo della popolazione residente permanente straniera proveniente dall'UE-27/AELS è pertanto cresciuto in maniera meno cospicua rispetto all'anno precedente (+ 53 514 risp. + 5.4 %). Questo rallentamento della crescita (- 35 per cento) va ricondotto in prima linea alla congiuntura debole. A fine aprile 2010 vivevano in Svizzera complessivamente 1 692 568 stranieri.

Il numero di cittadini di Stati non membri dell'UE/AELS è aumentato dello 0.4 per cento (+ 2 731). Questa evoluzione rispecchia la politica migratoria del Consiglio federale ed è il risultato del sistema di autorizzazioni previsto dalla nuova legge sugli stranieri, che permette di reclutare soltanto manodopera particolarmente qualificata.

In ordine d'importanza, la progressione più netta dal 1° maggio 2009 al 30 aprile 2010 è data dai cittadini kosovari (+ 33 038), tedeschi (+ 14 470), portoghesi (+ 8 131), francesi (+ 4 548) e britannici (+ 2 110). L'aumento del numero di cittadini kosovari va ricondotto in prima linea al fatto che dal 17 febbraio 2008 il Kosovo è uno Stato indipendente per cui numerosi cittadini kosovari stabiliti in Svizzera si sono fatti registrare quali cittadini di tale Stato (mentre prima figuravano quali cittadini serbi).

È invece in calo il numero di cittadini serbi (- 36 810), della Bosnia e Erzegovina (- 644), dello Sri Lanka (- 1 388), croati (- 1 166) e italiani (- 1 125). Queste cifre confermano la tendenza registrata negli ultimi anni.

La statistica degli stranieri allegata fornisce ulteriori informazioni sullo stato attuale della popolazione residente permanente straniera in Svizzera.

Dati UFM e UST relativi alla popolazione

I dati dell'Ufficio federale della migrazione (UFM) relativi alla popolazione residente permanente straniera si basano sul sistema d'informazione centrale sulla migrazione (SIMIC) e comprendono tutti i cittadini stranieri che dimorano in Svizzera per almeno un anno e che sono in possesso di un permesso di domicilio, di dimora o di soggiorno di breve durata di almeno 12 mesi. La statistica degli stranieri non comprende le persone rientranti nel settore dell'asilo, i funzionari internazionali, i diplomatici e i loro familiari.

Nella sua statistica della popolazione, l'Ufficio federale di statistica (UST) prende in considerazione anche i funzionari internazionali, i diplomatici e i loro familiari.

Indirizzo cui rivolgere domande:

Michael Glauser, Ufficio federale della migrazione, tel. +41 31 325 93 50

Pubblicato da

Ufficio federale della migrazione
Internet: http://www.bfm.admin.ch/bfm/it/home.html


Le autorità federali della Confederazione Svizzera
info@bk.admin.ch | Basi legali
http://www.news.admin.ch/message/index.html?lang=it