www.news.admin.ch

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio navigazione principale

Fine navigazione principale


Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Gestione idrica ed economia verde al centro delle discussioni a livello paneuropeo

Berna, 15.09.2011 - Dal 21 al 23 settembre 2011 si terrà ad Astana (in Kazakhstan) la 7a Conferenza «Un ambiente per l’Europa» che riunisce i rappresentanti di 56 Stati europei e paneuropei (tra cui quelli dell’Asia centrale e del Caucaso). Al centro delle discussioni vi saranno la gestione sostenibile delle risorse idriche e l’economia verde. La delegazione svizzera sarà guidata dal direttore dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) Bruno Oberle.

Nel corso della Conferenza, gli Stati membri dovrebbero approvare l'«Astana Water Action» (piano d'azione di Astana per l'acqua), elaborato sotto la presidenza svizzera. Questo documento illustra le misure che i Governi e gli altri attori possono adottare per gestire in modo sostenibile le risorse idriche e gli ecosistemi legati all'acqua, come i boschi e le zone umide.

La Svizzera, che ha maturato una lunga esperienza nel settore della gestione idrica, presenterà diversi provvedimenti: la gestione delle acque per bacino idrografico in un contesto intercantonale praticata dai Cantoni rivieraschi della Birs (JU, BE, SO, BS, BL), la riduzione dei microinquinanti nelle acque mediante l'installazione di una tappa supplementare di depurazione negli impianti di depurazione selezionati, la rinaturazione delle acque avviata con la revisione della legge sulla protezione delle acque e la messa a punto di un piano relativo alla gestione delle acque elaborato nel quadro della strategia di adattamento ai cambiamenti climatici.  

Nel corso della Conferenza di Astana, la Svizzera riunirà anche il gruppo di voto al Fondo mondiale per l'ambiente (GEF), che forma assieme ai Paesi dell'Asia centrale e all'Azerbaigian (cfr. riquadro), il cui obiettivo è migliorare la pianificazione dei progetti GEF nella regione, in particolare nel campo della lotta contro la desertificazione e della gestione idrica.

Road map per l'economia verde

Nel quadro delle discussioni sull'economia verde, gli Stati affronteranno temi quali l'utilizzo efficiente delle risorse naturali, l'innovazione, la realizzazione di un consumo e di una produzione sostenibili, il contributo dell'economia verde a una migliore competitività e al ruolo del settore privato. I risultati delle discussioni verranno presentati durante il Vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile Rio+20, che si svolgerà il prossimo giugno in Brasile.

Durante detto vertice, la Svizzera proporrà che gli Stati si accordino su una road map per l'economia verde. Questa dovrà contenere una sezione dedicata agli aspetti politici che illustri la visione, gli obiettivi e i principi approvati dagli Stati come pure una sezione dedicata alle questioni pratiche, comprendente gli strumenti da istituire e le misure da attuare.

Al termine della Conferenza, i ministri dovrebbero adottare una dichiarazione sulla gestione sostenibile delle risorse idriche e sullo sviluppo di un'economia verde.


RIQUADRO Un ambiente per l'Europa

Il programma «Un ambiente per l'Europa» è stato lanciato nel 1991 al fine di sostenere i Paesi dell'Est nell'elaborazione e nell'attuazione della loro legislazione ambientale. Oggi conta 56 Stati membri della Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Europa (ONU-ECE), di cui fanno parte anche l'Unione europea (UE), la Svizzera, gli Stati Uniti, i Paesi dell'Asia centrale e del Caucaso.

Dopo l'adesione all'Unione europea da parte di dodici nuovi Paesi, gli obiettivi della Conferenza si sono orientati verso la cooperazione nel settore ambientale e il rafforzamento delle capacità dei Paesi dell'Europa orientale, del Caucaso e dell'Asia centrale a migliorare la qualità dell'ambiente e ad armonizzare gli standard ambientali nell'insieme della regione paneuropea.

La Svizzera ha avuto un ruolo importante nella creazione del processo «Un ambiente per l'Europa». L'UFAM, incaricato del dossier, si impegna attivamente in questo processo, consentendo alla Svizzera - in quanto Paese non membro dell'UE - di collaborare nel settore ambientale a stretto contatto con attori di tutta Europa. Anche l'accento posto sui Paesi dell'Asia centrale e del Caucaso costituisce un elemento di interesse per la Svizzera, in quanto dirige un gruppo di voto al Fondo mondiale per l'ambiente (GEF) di cui fanno parte anche i Paesi dell'Asia centrale e l'Azerbaigian.

Indirizzo cui rivolgere domande:

Karine Siegwart, supplente del capo della divisione Affari internazionali dell’UFAM, 079 687 11 68

Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
Internet: http://www.uvek.admin.ch/index.html?lang=it


Le autorità federali della Confederazione Svizzera
info@bk.admin.ch | Basi legali
http://www.news.admin.ch/message/index.html?lang=it