www.news.admin.ch

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio navigazione principale

Fine navigazione principale


Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Conferenza ministeriale dell’OMC a Ginevra

Berna, 14.12.2011 - Dal 15 al 17 dicembre 2011 il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann prenderà parte in qualità di vicepresidente all’ottava conferenza ministeriale ordinaria dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) a Ginevra. Grazie alla firma del protocollo d’adesione da parte della Russia in occasione dell’incontro ministeriale, in futuro in seno all’OMC saranno rappresentate le principali potenze economiche. Il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann si schiererà contro il protezionismo e a favore di un consolidamento dell’OMC.

Sotto la presidenza del ministro del commercio e dell'industria nigeriano Olusegun Aganga, i ministri OMC  effettueranno un bilancio dei lavori in corso e prenderanno decisioni in merito a diverse tematiche. Fra queste, troviamo ad esempio la non applicazione di un dazio alle trasmissioni elettroniche e il miglioramento della posizione dei Paesi in via di sviluppo più poveri per quanto riguarda le trattative di adesione all'OMC e il loro accesso ai mercati dei servizi. In tale contesto si deciderà anche in merito al rafforzamento delle procedure di verifica dell'OMC.

Durante la conferenza ministeriale verranno firmati i protocolli di adesione di Montenegro, Samoa e Russia. Con l'adesione della Russia, che avverrà prevedibilmente nel primo semestre del 2012, entrerà a far parte dell'OMC una grande potenza economica mondiale. Questo risultato ha potuto essere conseguito grazie all'intervento di mediazione della Svizzera fra la Russia e la Georgia, già membro OMC.

All'ordine del giorno vi sono anche le prescrizioni per i prossimi lavori dell'OMC, in considerazione del fatto che il ciclo di Doha è bloccato. Anche se i negoziati di Doha non sono al centro della conferenza ministeriale, sussiste comunque la possibilità di uno scambio di opinioni sul seguito di tali negoziati.

Il Consigliere federale Schneider-Ammann tratterà dell'aumento del protezionismo e del problema valutario per Paesi come la Svizzera. Lancerà inoltre un appello alla volontà politica di tutti i membri OMC per rafforzare il sistema di commercio multilaterale, in particolare affinché l'OMC ridiventi un forum efficiente per ulteriori liberalizzazioni del mercato.

L'importanza che la Svizzera attribuisce alla partecipazione dei Paesi in via di sviluppo al sistema economico mondiale sarà riconfermata dal sostegno alla cooperazione tecnica dell'OMC pari a 2,1 milioni di franchi per il biennio 2012/13.  In seguito, la Svizzera fornirà il proprio contributo (pari a 2,1 milioni di franchi per il periodo 2012-2016) all'«Advisory Center for WTO Law (ACWL)», interlocutore dei Paesi in via di sviluppo per la procedura di composizione delle controversie in seno all'OMC. Il consigliere federale Schneider-Ammann approfitterà inoltre della presenza dei ministri a Ginevra per lo svolgimento di diversi incontri bilaterali.

Pubblicato da

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
Internet: http://www.wbf.admin.ch


Le autorità federali della Confederazione Svizzera
info@bk.admin.ch | Basi legali
http://www.news.admin.ch/message/index.html?lang=it